VISITE

1633

Un incontro mancato: lo sguardo del turista. Conversazione tra Marco Aime e Gian Paolo Gri

La vista, il senso che la cultura occidentale ha reso egemonico, è stato definito il senso della lontananza, rispetto a tatto, gusto, odorato e udito, sensi della prossimità. «L’occhio dello straniero vede solo ciò che già conosce», recita un proverbio africano. Molto spesso partiamo per un viaggio con un carico di immaginario che ci conduce a vedere ciò che già avevamo in mente prima di partire. Il viaggio così si trasforma da scoperta in verifica, condotta spesso sulla base di stereotipi e pregiudizi, che raramente coincidono con le realtà locali. Che cosa succede quando l’esperienza della diversità si affida soprattutto allo sguardo culturalmente orientato, e quando la riflessione sulla diversità delle culture, prima di entrare nel registro del linguaggio, viene ricondotta ai fondamenti percettivi e sensoriali?

L'incontro con Marco Aime e Gian Paolo Gri si è tenuto a 'vicino/lontano' l'8 maggio 2015.

MARCO AIME

Marco Aime è docente di Antropologia culturale presso l’Università di Genova. Ha condotto indagini sul campo in vari Paesi dell’Africa occidentale (Il mercato e la collina. Il sistema politico dei Tangba del Benin settentrionale. Passato e presente, 1997; Diario dogon, 2000;  La casa di nessuno. Mercati in Africa occidentale, 2002; Timbuctu, 2008; Il soffio degli antenati. Immagini e proverbi africani, 2017), indagando trasversalmente il tema del viaggio che, insieme a quello della differenza e dell’identità, costituisce l’infrastruttura epistemologica delle sue ricerche. 

GIAN PAOLO GRI

Gian Paolo Gri ha insegnato Antropologia culturale presso l’Università di Udine. Ricerca, sul campo e in archivio, saperi che fondino pratico e simbolico e rimandino al rapporto fra tradizione e modernità. Fra le sue pubblicazioni, Tessere tela, tessere simboli. Antropologia e storia dell’abbigliamento in area alpina (Forum, Udine 2001), Fuochi. Gioventù e rituali in alta Carnia (con U. Da Pozzo, Forum, Udine 2010) e (S)confini. Memoria e futuro, identità e tradizioni in Friuli (Circolo culturale Menocchio, Montereale Valcellina 2015).